Sezioni
  • Sala del Governo

    Sala del Governo

Tu sei qui: Home Il Castello Alla scoperta del castello Primo piano La sala del Governo

La sala del Governo

Questa sala aveva grande importanza rappresentativa per il duca Ercole II (1534-1559): è qui infatti che venivano esercitate le funzioni di governo e di esercizio della giustizia.

L’ambiente è caratterizzato da un ricco soffitto ligneo a lacunari di diverse forme: ovali, ottagonali, esagonali, romboidali, ed è arricchito da una decorazione pittorica policroma e luminosa, da applicazioni in legno dorato e tornito a forma di roselline e da rosoni intagliati posti al centro dei cassettoni.

Il soffitto, molto simile per impianto e dimensioni a quello del Salone d’onore di Palazzo dei Diamanti, è stato realizzato tra

Sala del Governo - Castello Estense

l’incendio del 1554 e il terremoto del 1570, e ha visto il contributo di diverse maestranze.
Il programma iconografico fa riferimento a diverse fonti letterarie: oltre alle Genealogie di Boccaccio è possibile rintracciare anche riferimenti alle opere di Natale Conti, di Lilio Gregorio Giraldi i cui argomenti sono i nomi, la storia, le tradizioni e i miti delle divinità, e alle "Imagini de li dei de li Antichi" di Vincenzo Cartari, dedicate a Luigi d'Este nel 1571.
I lavori cominciarono nel 1559 in una delle stanze del lato sud, con la costruzione di una grande stufa rivestita di maioliche decorata con una grande aquila bianca, simbolo della famiglia, da cui il nome di “Camera della Stufa”.
Azioni sul documento
Strumenti personali
Fatti riconoscere