• Il Castello Estense

    Il Castello Estense

  • Visite guidate e animazioni per bambini

    Visite guidate e animazioni per bambini

Tu sei qui: Home

Castello Estense

NEWS

Nuove funzionalità delle videoguide del percorso museale con le opzioni di visita nelle lingue dei segni italiana ed internazionale e nella lingua spagnola

 

Dal 16 giugno 2017, il percorso museale del Castello Estense è dotato di videoguide multilingua in italiano, inglese, francese e tedesco. Un supporto che accompagna il visitatore nelle sale del Castello illustrandone la storia e descrivendone le caratteristiche attraverso contenuti audio e video, approfondimenti testuali, immagini, fotografie e ricostruzioni 3D.

Le videoguide, realizzate da Fabrica Ludens (spin-off di Rovereto -Tn- costituito dall’Istituto di Ricerca FBK e da investitori privati, specializzato nello sviluppo di soluzioni multimediali interattive per la fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale) sono state implementate con la lingua spagnola ma soprattutto con la lingua dei segni italiana (LIS) e internazionale (IS) nel rispetto della Convenzione ONU sul Diritto delle Persone con disabilità.

Questo progetto di implementazione, proposto al Comune dalla sezione provinciale di Ferrara dell’ENS (Ente Nazionale Sordomuti), si inserisce nel più ampio progetto MAPS (Musei Accessibili per le Persone Sorde), co-finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e patrocinato da ICOM Italia, con lo scopo di rendere i Musei del territorio italiano realmente accessibili per le persone sorde.

La stretta collaborazione tra i tecnici di Fabrica Ludens e Davy Mariotti ed Elisa Vasco dell’ENS di Ferrara, che si sono occupati dell’intera traduzione in LIS e IS dei testi, ha consentito la realizzazione di questo importante progetto che inserisce il Castello Estense nell’elenco dei monumenti italiani accessibili alle persone sorde.

E’ stato inoltre aggiunta nelle videoguide l’opzione di visita in spagnolo in considerazione dell’incremento costante del numero di visitatori del Museo del Castello Estense, anche provenienti da Paesi di lingua spagnola.

_______________________________________________________________________________

Aspettando "L'Arte per l’arte - Dipingere gli affetti: la pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento"  -  CANTIERE APERTO

 

 

 

 

All'interno del percorso espositivo, nell'area dei Camerini, è ospitato un cantiere aperto per coinvolgere il visitatore nelle operazioni di restauro di uno dei dipinti più affascinanti del Manierismo emiliano: la "Decollazione di san Giovanni Battista" realizzata da Giuseppe Mazzuoli detto il Bastarolo (1535–1589). L'imponente tavola è affidata alle cure di Fabio Bevilacqua che, sotto gli sguardi dei visitatori, si occuperà delle varie fasi di restauro.

 

 

 

 

Queste le giornate e gli orari in cui lavorerà al restauro dell'opera:

  • martedì 16 ottobre dalle 9:30 alle 14:00
  • giovedì 18 ottobre dalle 14:00 alle 17:30
  • martedì 23 ottobre dalle 9:30 alle 14:00
  • giovedì 25 ottobre dalle 9:30 alle 17:30
  • martedì 30 ottobre dalle 15:00 alle 17:30
  • venerdì 2 novembre dalle 9:30 alle 17:30
  • martedì 6 novembre dalle 14:00 alle 17:30
  • mercoledì 7 novembre dalle 9:30 alle 17:30
  • giovedì 8 novembre dalle 9:30 alle 14:00
  • mercoledì 14 novembre dalle 9:30 alle 17:30
  • martedì 20 novembre dalle 9:30 alle 14:00
  • giovedì 22 novembre dalle 9:30 alle 14:00
  • martedì 27 novembre dalle 9:30 alle 17:30
  • venerdì 30 novembre dalle 9:30 alle 17:30
  • venerdì 7 dicembre dalle 9:30 alle 14:00
  • martedì 11 dicembre dalle 9:30 alle 14:00
  • giovedì 13 dicembre dalle 9:30 alle 14:00
  • venerdì 14 dicembre dalle 9:30 alle 14:00

 

______________________________________________________

Aspettando "L'Arte per l’arte - Dipingere gli affetti: la pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento"

dal 13 ottobre un’anticipazione dell’esposizione al Castello Estense che verrà inaugurata nel 2019

Da sabato 13 ottobre l’ala sud del piano nobile del Castello Estense accoglierà un’anticipazione della prossima edizione de “L’arte per l’arte”, iniziativa promossa dal Comune di Ferrara in collaborazione con Ferrara Arte e dedicata alla valorizzazione del patrimonio storico e artistico della città in parte inaccessibile dopo il sisma del 2012.

Le sale riccamente decorate dell’appartamento di rappresentanza del piano nobile del Castello Estense ospiteranno una selezione di capolavori che anticipa temi e protagonisti della mostra che inaugurerà il 26 gennaio del 2019 dal titolo "L’arte per l’arte. Dipingere gli affetti: la pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento".

L’esposizione si pone l’obiettivo di far conoscere al grande pubblico l’importante collezione di dipinti antichi dell’Azienda Servizi alla Persona (ASP) di Ferrara, depositata presso i Musei Civici cittadini: veri e propri tesori ritrovati, restaurati e ristudiati per l’occasione, che riemergeranno dal buio dei depositi per mostrarsi in tutta la loro bellezza.

Il percorso sarà diviso in due parti. La prima illustrerà lo spirito della futura esposizione, mirante a rievocare i fasti di un’epoca che delegava alla pittura il basilare compito di mediare con il sacro. La mostra intende infatti raccontare il modo in cui, a partire dalla seconda metà del Cinquecento, la rappresentazione di forme naturalistiche, emotive ed empatiche siano diventate il fulcro dell’azione liturgica. A questa funzione di carattere spirituale, ne corrispondeva però un’altra, legata alla missione dei loro luoghi d’origine: istituti religiosi attivi sul fronte dell’assistenza degli orfani, degli indigenti, dei bisognosi o delle donne in difficoltà. Da questi organismi discende, dopo diversi passaggi di carattere storico e burocratico, l’ASP proprietaria dei beni. Protagonista di questa parte del percorso sarà, tra gli altri, il grande Ippolito Scarsella noto come Scarsellino (1550 circa–1620), soave e malinconico interprete dell’autunno del Rinascimento e dei primi anni del Seicento. Il tema del recupero critico e conservativo di questo patrimonio è al centro della seconda parte del percorso dedicata a "Tra Natura e Maniera: la Decollazione del Battista del Bastarolo. Restauro ed esposizione". I Musei di Arte Antica hanno finalizzato da anni i loro interventi di restauro alla tutela di questa collezione. Tale attenzione ha trovato di recente nuovo stimolo nella collaborazione tra la stessa ASP, il CFR (Consor- zio Futuro in Ricerca), il CIAS (Centro ricerche Inquinamento fisico chimico microbiologico Ambienti alta Sterilità) dell’Università di Ferrara e la Fondazione Ferrara Arte. Da questa sinergia scaturisce un cantiere aperto che sarà ospitato nell’area dei Camerini e che vedrà il visitatore coinvolto nelle operazioni di restauro di uno dei dipinti più affascinanti del Manierismo emiliano: la "Decollazione di san Giovanni Battista" realizzata da Giuseppe Mazzuoli detto il Bastarolo (1535–1589). Questa imponente tavola, di fatto celata alla vista da più di trent’anni, sarà affidata alle cure del restauratore Fabio Bevilacqua grazie ai fondi messi a disposizione dal CIAS, il quale coordinerà e realizzerà contestualmente indagini scientifiche e diagnostiche sull’opera. L’intervento verrà condotto sotto gli sguardi dei visitatori, un’imperdibile e affascinante scoperta, un’occasione di studio e di curiosità, che consentirà alla nostra città e ai suoi numerosi turisti di riappropriarsi definitivamente di un’opera che ha avuto un ruolo fondamentale nella formazione e nella crescita artistica e culturale della Ferrara del Seicento.

 

Enti promotori

  • ASP – Azienda Servizi alla Persona, Ferrara Comune di Ferrara
  • Fondazione Ferrara Arte

 

Organizzazione

  • Fondazione Ferrara Arte
  • Servizio Castello, Musei di Arte Antica, Sacra e Storico-Scientifici del Comune di Ferrara

 

Collaborazioni

  • ASP – Azienda Servizi alla Persona, Ferrara CFR – Consorzio Futuro in Ricerca
  • CIAS – Centro Ricerche Inquinamento Fisico Chimico Microbiologico Ambienti Alta Sterilità dell’Università di Ferrara

 

Curatore

Giovanni Sassu

con la collaborazione di

Tito Manlio Cerioli e Romeo Pio Cristofori

 

Progetto di allestimento

Francesco Mascellani

_____________________________________________________________________________________

Sabato 6 ottobre e domenica 7, nell'ambito del Festival di Internazionale a Ferrara, il funambolo Alex d'Emilia ha fatto una "passeggiata" tra le torri del Castello

 

______________________________________________________

Un Castello in famiglia: proposte didattiche per l'autunno

Un ciclo di appuntamenti per conoscere il Castello e i principali protagonisti della corte estense

Eventi
Amici del Castello

Nuovi sconti d'ingresso per il Castello Estense
Organizzate la vostra visita a Ferrara!

Lo sconto può essere richiesto da:

  • gli ospiti dell'hotel
  • gli ospiti delle agenzie turistiche
  • gli ospiti delle guide turistiche

che hanno aderito a questa speciale partnership!

Scoprite gli Amici del Castello >>

Info
Strumenti personali
Fatti riconoscere