Sezioni
  • Cucine ducali

    Cucine ducali

Tu sei qui: Home Il Castello Alla scoperta del castello Piano terra Le cucine ducali

Le cucine ducali

La grande sala delle cucine venne costruita nei primi anni del Cinquecento per volontà del duca Alfonso I, grazie all’ampliamento dell’avancorpo est che venne avanzato fino a poggiare sulle fondazioni dell’antica e ormai distrutta Porta del Leone.

Dell’epoca ci è giunta l’intonacatura ad arriccio della volta, probabile preparazione per una rifinitura di maggior pregio che non venne più realizzata. Originale è anche la pavimentazione, nella quale sono ben visibili le aperture per gli scoli degli antichi acquai.

Sul lato nord della sala era collocato un camino a tutta parete, come testimoniano le due finestrelle quadrate che fungevano da prese d’aria.

L’attività doveva essere febbrile in queste cucine, specie quando - e succedeva assai di frequente - si preparavano i leggendari banchetti della corte, con un numero strabiliante di portate servite nell’avvicendarsi di rappresentazioni sceniche e di intrattenimenti musicali.

Coreografia e gastronomia erano le componenti essenziali delle grandi feste, eventi effimeri ai quali tuttavia il signore legava in maniera non trascurabile l’ostentazione e l’amplificazione del suo potere.

Per questo i grandi “scalchi”, abilissimi cuochi e cerimonieri, erano tenuti in grande considerazione nelle corti di tutta Europa. Uno in particolare è rimasto famoso: Cristoforo di Messisbugo, geniale regista di fastosi ricevimenti e scenografo di banchetti che concepiva come «una festa magnifica, tutta ombra, sogno, chimera, fittione, mettafora et allegoria».

Azioni sul documento
Strumenti personali
Fatti riconoscere