Sezioni
  • Leonello e l'Umanesimo

    Leonello e l'Umanesimo

Tu sei qui: Home Il Castello Alla scoperta del castello Piano terra La cultura di corte: Leonello e l'Umanesimo

La cultura di corte: Leonello e l'Umanesimo

Nel 1428 Nicolò III chiamò a Ferrara Guarino da Verona (1376-1460) - uno dei maggiori umanisti italiani del tempo - per educare il figlio e successore in pectore Leonello: Guarino sarebbe poi rimasto in città per oltre trent’anni, esercitando un profondo influsso non solo sul suo ex allievo - incarnazione del modello ideale di principe “umanista”, secondo la letteratura encomiastica -, ma anche sui circoli intellettuali e più in generale sulla cultura cittadina.

Di questa influenza umanistica si possono seguire le tracce negli ambiti più svariati: nelle medaglie commissionate a Pisanello sulla sorta di exempla antichi come nella decorazione degli ambienti di corte; nei testi scritti da letterati e cortigiani per esaltare la signoria di Leonello come nei progetti di governo elaborati in seno alla cancelleria estense, dove avevano trovato impiego molti degli allievi di Guarino.

Azioni sul documento
Strumenti personali
Fatti riconoscere