Sezioni
Tu sei qui: Home News Dipingere gli affetti si arricchisce dei quadri tattili realizzati dagli allievi del Liceo Artistico “Dosso Dossi”

Dipingere gli affetti si arricchisce dei quadri tattili realizzati dagli allievi del Liceo Artistico “Dosso Dossi”

Il percorso espositivo Dipingere gli affetti. La pittura sacra a Ferrara tra Cinque e Settecento, attualmente visitabile presso il Castello Estense, si arricchisce di una nuova esperienza di visita.

La preparazione di questa iniziativa ha stimolato negli insegnanti e negli allievi del Liceo Artistico “Dosso Dossi” l’idea di creare dei quadri tattili ispirati ad alcuni dei dipinti della Quadreria dell’ASP – Azienda Servizi alla Persona visibili nella sede museale.

I quadri tattili sono traduzioni tridimensionali in bassorilievo che, attraverso l’esperienza percettiva delle dita, restituiscono le forme e le figure anche ai fruitori ipovedenti o non vedenti.

Dopo una laboriosa preparazione, supportata da esperienze similari condotte in passato sugli affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia, il frutto del lavoro dei giovani artisti delle classi 5A e 5B del Liceo Artistico “Dosso Dossi” è ora parte integrante del percorso di visita dell’ala sud del Castello. Le opere scelte sono tre formidabili tele di Ippolito Scarsella, detto lo Scarsellino: il Martirio di santa Margherita (1611 circa), la Decollazione di san Giovanni Battista (1603-05) e la Deposizione di Cristo (post 1612). I primi due quadri tattili, fruibili in Sala 2 (l’anticamera della Sala del Governo), sono stati realizzati dalla classe 5A con la supervisione delle professoresse Mara Gessi e Silvia Pagnoni; la Deposizione, esposta in Sala 6 (la Sala delle Geografie), è stata creata dalla classe 5B seguita dai professori Mara Gessi, Elisa Leonini e Giuseppe Cosentino. Le strutture espositive sono state disegnate dall’Ing. Francesco Mascellani che ha curato l’allestimento dell’intera mostra.

Fondamentale è stato l’apporto dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) di Ferrara, che ha testato i quadri tattili e che ha curato la stampa in braille delle didascalie.

Le opere degli allievi del “Dosso Dossi” saranno fruibili fino al termine di Dipingere gli affetti, prevista per il 26 dicembre.

 

Si ringrazia il dirigente scolastico del Liceo Artistico Dosso Dossi e dell’Istituto Aleotti, professor Francesco Borciani, per la collaborazione.

Strumenti personali
Fatti riconoscere