Tu sei qui: Home Il Castello La storia Dal 1900 ad oggi

Dal 1900 ad oggi

Il Castello Estense dal 1900 ad oggi

Il buono stato di conservazione nel quale il Castello Estense venne a trovarsi all’inizio del secolo ventesimo, a pochi passi da una più rassicurante cultura della conservazione e del restauro dei monumenti, deriva dal fatto che è comunque rimasto nel corso della sua storia un edificio vivo per tutto il suo passato, senza aver subito traumatici momenti di abbandono, e dissociazioni della sua forte immagine da importanti funzioni di governo del territorio.

Dopo il passaggio al demanio del Regno d’Italia e l’asta pubblica del 1874, che vide la Deputazione Provinciale acquistare l’edificio, si prospettò per il Castello di Ferrara, per quasi tutto il 20° secolo, un utilizzo impostato ancora a rappresentanza ed in parte maggiore ad uffici di istituzioni ed Enti Locali e di Stato.
Sul Corriere Padano nel 1927 comparve un articolo dal titolo “Per il decoro e per l’arte: sgomberiamo il Castello Estense”. Fu la prima volta che questo concetto venne espresso apertamente ed iniziò a farsi spazio nella coscienza del mondo politico e culturale della città di Ferrara.
Ma sarà proprio la Provincia di Ferrara, tuttora sua proprietaria, che saprà accompagnare, dagli anni Ottanta ad oggi, il Castello al suo più corretto restauro e ad una funzione museale moderna e comunicativa di ogni suo contenuto artistico e monumentale.
Oggi il Castello Estense di Ferrara è il simbolo della città, prestigioso esempio conservato di castello medievale e contemporaneamente di residenza rinascimentale.
Azioni sul documento
Strumenti personali
Fatti riconoscere