• Il Castello Estense

    Il Castello Estense

  • Ritratto di Lucrezia Borgia. Visite animate

    Ritratto di Lucrezia Borgia. Visite animate

  • Visite guidate e animazioni per bambini

    Visite guidate e animazioni per bambini

  • La Collezione Cavallini Sgarbi

    La Collezione Cavallini Sgarbi

Tu sei qui: Home Il Castello Alla scoperta del castello Piano terra

Piano terra

La genealogia estense
Gli Este figuravano fra le più antiche dinastie signorili italiane e - soprattutto dopo la caduta degli Scaligeri, dei Carraresi, dei Visconti - se ne mostravano ben consapevoli.
Il castello di San Michele
Era il 29 di settembre del 1385, giorno di San Michele, quando il marchese Nicolò II diede il via alla costruzione di una potente fortezza.
Monumenti e documenti: l'ascesa della dinastia.
Gli Este erano Signori di Ferrara sin dal 1264, quando il Comune ferrarese aveva eletto Obizzo II Dominus generalis in perpetuo della città e del suo contado.
La cultura di corte: Leonello e l'Umanesimo
Nel 1428 Nicolò III chiamò a Ferrara Guarino da Verona (1376-1460) - uno dei maggiori umanisti italiani del tempo - per educare il figlio e successore in pectore Leonello: Guarino sarebbe poi rimasto in città per oltre trent’anni, esercitando un profondo influsso non solo sul suo ex allievo - incarnazione del modello ideale di principe “umanista”, secondo la letteratura encomiastica -, ma anche sui circoli intellettuali e più in generale sulla cultura cittadina.
La magnificenza del Principe
Nel corso del Quattrocento fra le Virtù sovrane per eccellenza vengono annoverate sempre più spesso la Magnificenza e la Liberalità: ossia la predisposizione del principe a commissionare grandiose opere d’arte e d’architettura, offrendo così una manifestazione tangibile della sua volontà di non accumulare potere e ricchezze per se stesso, da tiranno, ma di impiegarle per accrescere l’onore e il prestigio della dinastia, a servizio del bene pubblico.
Il territorio e la città
Le cucine ducali
La grande sala delle cucine venne costruita nei primi anni del Cinquecento per volontà del duca Alfonso I, grazie all’ampliamento dell’avancorpo est che venne avanzato fino a poggiare sulle fondazioni dell’antica e ormai distrutta Porta del Leone.
La Torre dei Leoni
Prima del 1385 sul luogo ove venne costruito il Castello di San Michele esisteva un’antica torre di guardia che, almeno da cento anni, presidiava le mura a nord della città e in particolare la vicina ed importante porta detta del Leone, oltre la quale si stendeva un piccolo borgo che portava lo stesso nome.
Saletta archeologica
Questa Saletta è un ambiente aggiunto recentemente al percorso del Museo e che documenta in maniera eccezionale, attraverso evidenze architettoniche e decorative, le fasi costruttive del monumento nei secoli XIV e XV.
Le prigioni
Inevitabile corollario dell’originaria funzione militare e repressiva del Castello furono le prigioni che nei sotterranei ebbero un’inespugnabile e tetra ubicazione.
Biglietteria
La biglietteria del castello è situata il piano terra con accesso dalla rampa trasparente nel cortile d'onore.
Prigioni del castello Estense
Prigioni del castello Estense
Copia della Bibbia di Borso d''Este
Copia della Bibbia di Borso d''Este
Strumenti personali
Fatti riconoscere